Triennale di Bruges, la città liquida

di
Triennale Bruges

Contrasti vivi tra l’avanguardia delle opere artistiche e gli incantevoli scorci medievali: è lo spettacolo che Bruges mette in scena sino al 16 settembre 2018 in occasione della Triennale di Arte Contemporanea e Architettura.

Liquid City, la città liquida: sono quindici le strutture artistiche e architettoniche che, realizzate da artisti e architetti di fama internazionale, offrono risposte a momenti di crisi nella “società liquida”, teorizzata dal sociologo e filosofo Zygmunt Bauman.

Quanto può essere flessibile, liquida, resiliente, una città storica come Bruges, in un’epoca in cui sembrano non esserci più certezze? Ad ispirare il tema è stata proprio la suggestiva città fiamminga che, letteralmente circondata e attraversata dalle acque del fiume Reien, diventa una metaforica “Liquid City”.

Rinnovamento, qualità e creatività sono le parole chiave della Triennale di Bruges che con le sue strutture installate nei vicoli, nelle piazze e nei principali luoghi di aggregazione, ha come obiettivo quello di creare un percorso che stimoli i visitatori non solo ad ammirare le opere ma anche a viverle, partecipando in prima persona al processo creativo.

Per approfondire:
Wikipedia

I commenti all'articolo "Triennale di Bruges, la città liquida"

Scrivi il tuo commento tramite

Loading Facebook Comments ...
Loading Disqus Comments ...